Accesso
Progetto PUOI (Protezione Unita a Obiettivo Integrazione)

Il progetto PUOI, in continuità con l'esperienza del progetto INSIDE, prevede l'attivazione di 4.500 percorsi integrati di inserimento socio lavorativo rivolti a cittadini migranti vulnerabili regolarmente presenti sul territorio nazionale, al fine di migliorarne l'occupabilità e di promuoverne l'inserimento nel mercato del lavoro.

I destinatari dell'iniziativa sono i cittadini di paesi terzi titolari di protezione internazionale e umanitaria, titolari di permesso di soggiorno rilasciato nei casi speciali e per protezione speciale, che consentono lo svolgimento di attività lavorativa, nonché i cittadini stranieri entrati in Italia come minori non accompagnati e regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale.

L'intervento prevede la partecipazione degli enti, pubblici e privati, autorizzati all'intermediazione a livello nazionale ovvero accreditati ai servizi per il lavoro a livello regionale, selezionati attraverso un Avviso unico nazionale 

L'intervento è finanziato dal Fondo Asilo Migrazione e Integrazione (FAMI) e dal Fondo Sociale Europeo (FSE) -PON Inclusione.

Con le risorse del FAMI sono finanziate le misure di presa in carico, orientamento specialistico e orientamento per l'individuazione delle opportunità occupazionali e, in quota parte, i costi di coordinamento e di gestione. Il FSE - PON Inclusione sostiene, invece, i costi relativi alle indennità di tirocinio per i partecipanti, oltre a una parte delle spese di coordinamento e di gestione.

Gli obiettivi specifici del progetto sono:

  • la promozione, la gestione e il monitoraggio di 4.500 percorsi di integrazione socio-lavorativa rivolti ai cittadini di paesi terzi titolari di protezione internazionale e umanitaria, titolari di permesso di soggiorno rilasciato nei casi speciali e per protezione speciale, che consentono lo svolgimento di attività lavorativa, nonché i cittadini stranieri entrati in Italia come minori non accompagnati e regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale, attraverso la definizione di un piano di azione individuale e lo strumento della "dote", articolata in tre diverse componenti: un'indennità per il tirocinante (finanziata con risorse FSE-PON Inclusione); un contributo al soggetto ospitante (finanziato con risorse FAMI) e un contributo al soggetto proponente (finanziato con risorse FAMI);
  • la qualificazione dei percorsi di integrazione avviati, attraverso l'assistenza e l'accompagnamento agli operatori coinvolti, la messa a disposizione e la condivisione di metodologie e strumenti di intervento finalizzati a valorizzare le competenze e le qualifiche dei destinatari, al fine di migliorare il loro livello di occupabilità e accrescere le loro opportunità di occupazione.

Il progetto, avviato nel corso del 2019, viene realizzato in collaborazione con ANPAL Servizi S.p.a., quale beneficiario dell'intervento. La conclusione delle attività è prevista per il mese di dicembre 2020.